You are currently browsing the category archive for the ‘Ironia germanica’ category.

Tra i tanti luoghi comuni sulla Germania spicca quello sulla sua massima rappresentante, la cancelliera Angela Merkel.

In barba allimmagine di una donna politica rigida, inflessibile, posata e impassibile, la cancelliera tedesca ha un animo decisamente passionale. Non ci credete? Allora non l’avete mai vista durante una partita di calcio di una squadra tedesca, dove diventa una tifosa in piena regola!

Non lasciatevi ingannare dal contegno impeccabile mostrato durante la visita alla Deutscher Fussball-Bund, la nazionale di calcio tedesca, vicino Danzica, in Polonia. Quando l’arbitro fischia il calcio d’inizio, la Merkel si trasforma, sfoderando un repertorio di espressioni buffe che, inevitabilmente, diventano comiche.

Poco meno di un mese fa, il 19 maggio, l’abbiamo lasciata impietrita per il risultato della finale di Champions League, dove il “suo” Bayern München è stato battuto dal Chelsea.

fonte: en.wikipedia.org

Una sorta di rivincita inglese, dopo la pesante sconfitta rimediata dagli inglesi agli scorsi campionati del mondo proprio a opera della Germania. E lì la Merkel non è riuscita a trattenere un ghigno per la grande vittoria tedesca, di nuovo accanto al primo ministro britannico, David Cameron.

Ma il top Angela ce lo regala sugli spalti al campionato del mondo in Sud Africa, dove è stata immortalata in espressioni di incontenibile gioia e visibile sofferenza durante la trionfale cavalcata della sua nazionale, approdata nella finale poi persa contro la Spagna.

Ora che gli Europei in Polonia-Ucraina sono in pieno svolgimento, come ci stupirà? Proverà a contenersi o si lascerà andare al tifo? Staremo a vedere, anche se noi siamo sicure che non ci deluderà. 🙂

fonte: La Stampa

fonte: candidonews.wordpress.com

(Facciamo una piccola postilla sulla strage dei cani in Ucraina, un fuori tema rispetto all’argomento leggero trattato in questo post. La strage dei cani è un atto riprovevole che condanniamo e che getta una brutta ombra su quella che doveva essere solo una grande festa per un evento sportivo molto sentito.)